Attività di Vigilanza: le priorità del 2019

attività di vigilanzaIl 10 Aprile 2019 è stato pubblicato il documento di programmazione dell’attività di vigilanza, per il 2019, dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro.

Fra le priorità ispettive, oltre a lavoro nero e al caporalato, per il corrente anno è prevista una intensificazione della vigilanza in materia di lavoro a tempo determinato e di somministrazione, anche sulla scorta delle nuove disposizioni introdotte del c.d. Decreto dignità, nonché una specifica vigilanza sul Reddito di cittadinanza (RDC).

La pianificazione delle azioni ispettive e il loro coerente svolgimento, si legge nel documento, mirano in primo luogo a contrastare i fenomeni del lavoro nero, del caporalato, dell’interposizione illecita di manodopera e della proliferazione di altre specifiche forme di sfruttamento che si traducono in fattispecie di dumping connesse all’utilizzo, a scopo elusivo, degli istituti previsti dalla vigente normativa in materia lavoristica.

L’attività programmata mirerà altresì ad assicurare la corretta applicazione delle nuove norme e il rispetto dei limiti introdotti dal c.d. “Decreto dignità” in materia di contratto a termine e di intermediazione, di pari passo con l’effettuazione di mirati controlli sulla legittima fruizione del “reddito di cittadinanza”.

 

LEGGI TUTTO IL DOCUMENTO DELL’ISPETTORATO

 
 

L’articolo Attività di Vigilanza: le priorità del 2019 proviene da Paghe Facili.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail